CASA DELLA MERAVIGLIE
Comunità di Accoglienza per Madre e Bambini

Un nuovo servizio che si intende offrire nel Villaggio del Fanciullo S. Antonio

Quando i Padri Rogazionisti fondarono in Matera il Villaggio del Fanciullo “Sant’Antonio”, secondo i bisogni e le necessità di allora, nel 1958, si prefissero l’accoglienza dei minori in difficoltà, soprattutto orfani e figli di famiglie povere, per sostenerli, nella crescita, nello studio e consentire loro anche l’acquisizione di una qualifica professionale. Infatti proprio in quegli anni, l’attività educativa era affiancata da un Centro di Formazione Professionale, autorizzato, che rilasciata pubblici attestati.
I tempi sono cambiati e le esigenze del territorio, rappresentati per lo più dai servizi Sociali dei Comuni, evidenziano oggi altre situazioni che richiedono particolare attenzione e innovazione nell’offerta dei servizi di affiancamento e sostegno.
Quindi per venire incontro alle sollecitazioni particolari del territorio, la direzione del Villaggio del fanciullo si sta adoperando intende un nuovo servizio di accoglienza e di affiancamento e supporto, aprendosi ad una nuova esperienza, peraltro già presente in altre regioni, che opportunamente viene incontro a ragazze gestanti o madri con bambini, che si trovano temporaneamente in grave difficoltà personale, nel garantire l’accudimento, il mantenimento e l’educazione dei figli.

 

Si è realizzata una Comunità Alloggio Gestanti e Madri con Figli a Carico, attraverso la quale il Villaggio si prefigge l’obiettivo di prevenire l’abbandono e assicurare la tutela e il sostegno della madre e della prole. Il nostro intendimento è quello di venire incontro a donne gestanti e a madri con propri figli che, per situazioni di rischio o per gravi problemi sociali e affettivi, hanno bisogno di essere allontanate dalla famiglia d’origine ed inserite in un luogo protetto. Ci si propone quindi come obiettivo la tutela sociale della maternità attraverso l’accoglienza residenziale di donne in difficoltà, maggiorenni o prossime alla maggiore età, con o senza bambini, con particolare attenzione per le donne in gravidanza, senza alcuna distinzione di razza, nazionalità e religione in totale rispetto delle convinzioni etiche, morale, religiose delle stesse.

Per poter realizzare questo nuovo servizio, sono state apportate importanti modifiche strutturali, che interessano il piano terra di un’intera ala dell’edificio, al fine di ricreare un luogo fisico residenziale in cui potranno agevolmente abitare 4/5 nuclei mamma-bambino, che naturalmente saranno costantemente affiancati da un gruppo di educatori impegnati ad accompagnare le madri verso una genitorialità responsabile, secondo un progetto educativo e di sostegno personalizzato e coerente con l’ispirazione del carisma di Sant’Annibale, che ha posto la carità e l’accoglienza alla base di ogni rapporto umano e la dimensione spirituale che dà senso all’esistenza e che si esprime nella preghiera, nella dignità, nella giustizia, nella solidarietà, nella pace.

Sono molte le considerazioni di natura sociale, familiare ed economica che ci hanno indotto a volgere l’attenzione verso la donna in situazione di disagio, ritenendo determinante la possibilità di sostenerla ed aiutarla a divenire protagonista attiva della propria esistenza, per maturare la capacità di una corretta ri-socializzazione e di reinserimento sociale ed affettivo, nel suo ambiente di origine, ove questo sia opportuno.
Vogliamo offrire un aiuto concreto ed efficace in particolare alle mamme, consentendo loro di assumere un ruolo genitoriale adeguato per garantire una continuità e la serenità del vivere insieme ai propri figli.
Con l’aiuto di Dio e degli Amici e Benefattori, che sempre con affetto seguono la nostra opera educativa, speriamo di essere operativi quanto prima e poter accogliere donne con donne con figli per garantire loro un’ospitalità temporanea nel tempo necessario per raggiungere l’autonomia lavorativa e familiare, secondo il progetto educativo personalizzato. Come sempre, attraverso il nostro periodico “Sant’Antonio” vi terremo informati degli sviluppi dell’Opera.